fbpx

E se fossi veramente solo?

E se fossi veramente solo?

E se fossi veramente solo? Quanto lo desideri! Se arrivasse una specie di Fata Madrina, tutta azzurra e glitterata, un po’ cicciottella e paciosa come quella delle favole, e con un bidibibodibibù facesse sparire tutta quella gente che non reggi più? Ok, sognare non costa niente; da dove cominciamo? Pensaci bene! Tirati giù una lista magari, tipo quella della spesa,...

Domanda stupida…parte prima

Domanda stupida…parte prima

Cos’è la vita? Domanda dal sentore di filosofia spiccia, con sfumature di teologia da oratorio, una nota speziata di tormentone estivo e una punta nauseabonda di talk show domenicale. Domanda retorica? Non esattamente. Domanda inutile? Fa un po’ Battisti in “Ancora tu?”, ma no, non è per niente inutile. Domanda stupida? Sostanzialmente sì, dato che non esiste un piano B....

Sgombero cantine, soffitte, sgabuzzini e pure capocce

Sgombero cantine, soffitte, sgabuzzini e pure capocce

“Il trucco è togliere” Me lo ha suggerito un giorno una persona che di lavoro scrive. Suggerimento che ho cercato di recepire e mettere in atto in questi miei articoli settimanali, pur spesso senza successo. Del resto il mio fine ultimo non è lo scrivere; esso o il mezzo, che ritengo piacevolmente efficace per me, e spero pure per chi...

Turisti per casa

Turisti per casa

Succede che ognuno di noi è un mondo. Succede che gran parte di esso ci sia sconosciuto, inesplorato o semplicemente ignorato, proprio come se si trattasse di quello che insieme abitiamo. Succede che più i luoghi ci sono vicini, di facile accesso, più li snobbiamo. Ciao, come va? Bene. Voglia di evadere … A chi lo dici! Comunque ho deciso...

La morte è un palloncino

La morte è un palloncino

Elaborare il lutto.  È un’espressione talmente brutta che mi viene voglia di dirti: «Guarda, “elaboralo” tu, poi ne riparliamo …» Sul serio … quanto è brutto, freddo, asettico, odioso, questo modo di definire una problematica tanto intima, tanto connessa ai più delicati e veri dei sentimenti? Rimanda all’idea di una macchina che calcola, elabora appunto, o di una sorta di...

Sbang!

Sbang!

Il braccio teso. La mano ferma. Adrenalina. Salivazione azzerata. Un lieve formicolio al braccio a causa dell’immobilità assoluta. Roba da poco al cospetto della posta in gioco. I rumori arrivano ovattati dall’alto della mia postazione. La folla è fitta e incessante, come l’acqua di un fiume. Gente che ride, che parla; i più però camminano guardando il cellulare. Anche l’aria...