Principesse guerriere

La donna angelo, la femme fatale, strega, santa o meretrice: nell’arte, nella letteratura, nella storia, così sono raccontate le donne.

La donna per secoli è stata colpita in quanto appartenente al “sesso debole”; le violenze venivano approvate dall’intera società nelle varie epoche e periodi storici.

Se facciamo un viaggio nella storia noteremo quanto anche alcune figure femminili, benché famose, abbiano sempre avuto poco peso e poche menzioni: la loro fama era non di rado legata e subordinata alla presenza di una figura maschile. Partiamo dalla Bibbia: Eva fu la tentatrice per eccellenza, o se vogliamo fare riferimento alla storia delle civiltà, non si può non menzionare Cleopatra, che invece di essere descritta come una grande regina dai suoi contemporanei, venne descritta come l’amante del bell’Antonio. 

E come dimenticare Lucrezia Borgia? La quale venne denigrata e calpestata, con appellativi come “strega”, “colei che usava veleni” e mai elogiata per la sua cultura e intelligenza. E per concludere, attingendo sempre a fonti religiose, mi viene da citare Maria Maddalena, che da sempre venne associata alla figura della prostituta, un “bullismo” che tocca quindi anche le figure sacre, se di sesso femminile.

Copioni non solo racchiusi nei libri di storia, poiché, tutti questi schemi di giudizio, nei quali le donne vengono incastrate, ci vengono insegnati fin da piccoli

Ma qualcosa sta cambiando nella nostra società, la donna freme, riconosce il suo valore, combatte contro i fantasmi del passato, cade e si rialza, non teme più o teme diversamente, teme se stessa, perché scopre la sua potenza…Sono molte le donne che bussano al mio studio di psicologo a Monterotondo con queste richieste. La donna vuole diventare indipendente, non vuole più essere la principessa da salvare, quanto piuttosto la guerriera che si salva da sola.

Le donne indipendenti fanno paura agli uomini?

Innanzitutto cosa significa essere indipendenti? Da vocabolario, si intende per indipendenza, la libertà da uno stato di soggezione, una condizione non subordinata e comunque autonoma.

La libertà di agire secondo il proprio giudizio e la propria volontà. La condizione in cui vive chi non dipende da altri. Quindi, l’indipendenza emotiva è la condizione nella quale ti senti libera di esprimere, nel modo più sincero e autentico, la tua personalità. Senza dipendere dal giudizio o la volontà di nessun altro. 

Essere indipendente mi farà risultare una donna meno piacevole agli occhi maschili?

Sicuramente agli uomini piace il compito di proteggere e prendersi cura della partner, ma vogliono anche crescere insieme all’altra persona. Una donna con degli obiettivi che cerca sempre di portare a termine quello che si è prefissata, senza dipendere da nessuno, viene vista come la compagna ideale con cui crescere e raggiungere traguardi. Al contrario, quando una donna cerca di trovare se stessa tramite il partner, non farà altro che richiedere più attenzioni e probabilmente il partner si stancherà.

Spesso appoggiarsi all’altro significa che, se l’altro accidentalmente cadrà, potresti cadere insieme a lui e forse, scossa dall’imprevedibilità della cosa, potresti avere un’immensa difficoltà a rialzarti su…

Così come le donne cercano un uomo di cui fidarsi e che sappia affrontare le avversità, lo stesso vale per gli uomini. È molto importante ricordare che a nessuno piace portare tutto il peso della relazione sulle proprie spalle. Le donne indipendenti sanno di avere una loro identità ed esigono che venga rispettata, ma sono anche capaci di comprendere e collaborare con il proprio partner.

Quindi ricorda: tu sei un dono, una scelta volontaria e spontanea. Sei meritevole di essere amata esattamente per come sei.

Come diceva John Lennon: “Ci hanno fatto credere che ognuno di noi è la metà di una mela e che la vita ha senso solo quando riusciamo a trovare l’altra metà.  Non ci hanno detto che nasciamo interi, che mai nessuno nella nostra vita merita di portarsi sulle spalle la responsabilità di completare quello che ci manca”.

Se hai curiosità o domande chiedi pure e se ti interessa rimanere aggiornato settimanalmente, su temi relativi al benessere ed alla psicologia, puoi Iscriverti alla Newsletter sul sito www.federicopiccirilli.it

Se hai voglia puoi lasciare anche il tuo passaggio e il tuo feedback sulla Pagina Facebook Dott. Federico Piccirilli.

Buon vento 😉

Federico Piccirilli

Psicologo, Psicoterapeuta

Terapie Brevi

Terapia a Seduta Singola

Ricevo a Monterotondo (RM) e ONLINE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.