A Natale puoi?

“Ho paura che la tristezza che provo quotidianamente a Natale diventi più forte, che tra quel bagliore di luci e suoni il mio vuoto venga illuminato ed ho paura, tanta paura”… E’ così che apre la sua seduta il mio paziente l’altro giorno, nel mio studio di psicologo a Monterotondo.

Perché sappiamo tutti che il periodo del Natale è senza dubbio molto affascinante. Le settimane sono caratterizzate da un clima magico, favorito dai giochi di luce delle luminarie, dagli addobbi colorati, dalle vetrine allestite. La spensieratezza, la speranza e la gioia sono parole all’ordine del giorno. Ma dobbiamo anche riconoscere che per alcune persone il Natale può coincidere con la tristezza e tutto ciò che accompagna questa emozione. Questa condizione prende il nome di “Christmas blues”, o depressione natalizia.

Per questo ho ripensato a questa frase, ripresa da quella famosa pubblicità del pandoro, “A Natale puoi…”, ma cosa possiamo permetterci a Natale? Possiamo permetterci di essere anche tristi?

Un Natale (im)perfetto

I social e le pubblicità ci trasmettono un ideale di Natale caratterizzato dalla perfezione, dall’assenza di conflitti, di preoccupazioni, di tensioni. Ci mostrano come a Natale “siamo tutti più buoni”, prestando particolare attenzione all’aspetto relazionale tra amici, familiari, colleghi.

Insomma, ci mostrano una situazione ai limiti dell’immaginario che non tiene conto della complessità della realtà e dell’aspetto individuale di ogni persona. Il fatto di vivere situazioni che si allontanano da questa rappresentazione “perfetta”, può farci sentire inadeguati, diversi o sbagliati.

Vivere con tristezza, malinconia o ansia il periodo del Natale non significa essere “persone sbagliate e cattive”. Invece, imparare ad ascoltare la tristezza e le altre emozioni è estremamente utile. Anche se il clima natalizio impone il contrario, non è necessario dimostrarsi gioiosi in ogni momento. Se ti senti triste a Natale, ricordati che non c’è nulla di male in questo.

L’opportunità del Natale

La nostra società ritiene che le tradizioni siano quasi un obbligo morale, da rispettare con rigore e devozione. Per questo l’eventuale sconsacrazione di tali tradizioni ci porta a provare un senso di colpa interiore, che ci fa sentire inadeguati e sbagliati agli occhi altrui.

Ma alcuni nostri stati d’animo possono essere utili per imparare a ripensare al Natale non come un evento imposto e obbligatorio, ma come una possibilità di scegliere se aderire, o meno, ai festeggiamenti, mantenendo i propri valori e rispettando le proprie emozioni.

Quindi permettiamoci di essere come ci sentiamo di essere. Sempre. Perché i colori del Natale non sono solo il rosso, il bianco, l’oro e l’argento, ma anche tutte le sfumature del nostro animo.

Se hai curiosità o domande chiedi pure e se ti interessa rimanere aggiornato settimanalmente, su temi relativi al benessere ed alla psicologia, puoi Iscriverti alla Newsletter sul sito www.federicopiccirilli.it

Se hai voglia puoi lasciare anche il tuo passaggio e il tuo feedback sulla Pagina Facebook Dott. Federico Piccirilli.

Buon vento 😉

Federico Piccirilli

Psicologo, Psicoterapeuta

Terapie Brevi

Terapia a Seduta Singola

Ricevo a Monterotondo (RM) e ONLINE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.