“Prova a spiegarmelo come se avessi 6 anni: il disturbo ossessivo compulsivo”

Chiunque abbia visto Philadelphia di Jonathan Demme, pluripremiato film del 1994, avrà apprezzato l’efficacia di questa frase che è solito pronunciare l’avvocato Joe Miller, intensamente interpretato da Denzel Washington.

E’ proprio questo il mio intento, rendere semplice e di universale comprensione la materia che mi compete, sulla quale spesso – troppo spesso – aleggiano ombre di inquietante mistero, diffidenza, paura, incomprensione. Ciò che non si conosce si teme e genera cupi fantasmi. E’ per questo che cerco di unire alla semplicità un tono ironico e talvolta dissacrante, il miglior esorcismo alle nostre paure.

 

Hai saputo che il tuo vicino è in psicoterapia?

“mmmm… l’ho sempre detto che era strano”

“pensa alla moglie … poveretta”

“ma … che cos’ha?”

“il pizzicagnolo, che conosce suo cugino, ha saputo da un’amica della zia di sua cognata, che andava a scuola con sua sorella e che ha avuto problemi di post-partum … poveretta …, che pare soffra di disturbi ossessivo-compulsivi!”

“Caspita! Tira via il bambino quando lo incroci … non si sa mai!”

 

E così, nel tuo immaginario, quel vicino di casa che conta i gradini metodicamente, diventa un matto da tenere a debita distanza di sicurezza, mentre zia Concetta, terrorizzata all’idea di finire all’inferno e che quindi snocciola rosari per 23 ore e mezza al giorno, è solo una cara vecchietta molto devota e un po’ bacchettona, e tu, che rincorri il cane con lo swiffer, hai semplicemente a cuore l’igiene e la pulizia della tua famiglia!

Ma è poi così diverso quel vicino?

 

 

Procediamo con ordine. Sembra paradossale ma la strada più semplice per una comprensione immediata e pulita è l’etimologia dei termini che usiamo. Questo è un trucco che funziona con tutto, e vi invito a usarlo.

OSSESSIONE: termine che viene dal verbo latino

obsidēre  = assediare.

Quando quindi parliamo di ossessione indichiamo un pensiero che ci tiene sotto assedio, e fine ultimo di un assedio è ridurre allo stremo l’assediato così da ottenerne la resa.

 

 

COMPULSIONE: anch’esso viene da un verbo latino,

compellĕre, intensivo di  pellĕre = spingere con forza.

Ma spingere con forza, ovvero respingere, cosa? L’ossessione, al fine di rompere l’assedio e riacquistare la libertà.

Un germe di ossessione è in ognuno di noi, e pure di compulsione. Tutto e il suo opposto possono sfociare in ossessione: le sequenze numeriche, l’ordine e il disordine, il sesso e la castità, lo spirito e la materia. Ma le ossessioni non ci piacciono, ci tormentano e noi non vogliamo essere tormentati, quindi compiamo azioni tese a minimizzarle se non a risolverle.

Più è forte l’assedio maggiore è la spinta; più ossessiva è l’ossessione, più compulsiva è la compulsione.

Sono stato sufficientemente chiaro? Come se l’avessi spiegato a un bambino di sei anni?

Vediamo anche un esempio, arma infallibile!

Ho paura di contagiarmi, … già, non posso permettermi di prendere l’influenza!  Il pericolo però è ovunque: i colleghi che mi toccano, i passanti che  mi starnutiscono in faccia, il barista che è appena stato in bagno, la pulsantiera dell’ascensore, le pipì dei cani sotto alle mie suole … Un assedio in piena regola.

Bene, sono circondato da germi grossi come tacchini,  batteri fecali, giardie, stafilococchi, streptococchi e tutti i loro parenticocchi e amicocchi …. Li vedo ovunque. Mi ossessionano!  Devo fare qualcosa, respingere l’attacco con tutte le mie forze.  Ma come?

La soluzione è semplice, a portata di “mano”! La mano, ecco … il maggiore veicolo di contagio … devo rendere le mie mani innocue  attraverso la più semplice e basilare delle azioni:  lavarmele! Tutti i medici lo raccomandano, e anche il buon senso, l’hanno pure detto al telegiornale…

 

Ok! Ma quanto?

Una bella insaponata non basta, due è meglio, anzi tre volte è più sicuro. L’avrò fatto bene? Una quarta non guasta. Certo che un’altra volta, tanto per stare tranquilli … Cavolo, ho perso il conto … ricomincio … uno, due … bagno, insapono, sciacquo, tre … ma quel tipo sul tram mi ha sfiorato dopo essersi soffiato il naso, … meglio essere prudenti … ancora un po’ di sapone

 

E … quando?

Vediamo un po’… tutti hanno questa orrenda mania di “toccare”. Pensa a questo innocuo barattolino di sottaceti! INNOCUO? Col cavolo! Ha ricevuto più palpate delle tette di Cicciolina! Chi l’ha prodotto, chi l’ha etichettato, chi l’ha trasportato, chi l’ha  disposto sullo scaffale, e poi tutti quelli che l’hanno preso e riposato, e il cassiere …  

 

La risposta non può essere che: SEMPRE!!!! … ma non è possibile! come faccio? … Posso usare quei bei disinfettanti che saggiamente hanno messo in commercio (se ne vendono così tanti ci sarà pur una ragione!) … sì … ma io non sono mica scemo … se apro la confezione con le mani contaminate, contamino con batteri il botticino di battericida, che dovrei quindi disinfettare ma non posso perché l’ho aperto e quindi le mie mani … oh, mio Dio! È un circolo vizioso …

 

… HO TROVATO! GUANTI MONOUSO!!!

Ed ecco confezionato un tipico caso di disturbo

ossessivo-compulsivo, schematizzato anche in

questa infografica.

 

 

Bene, credo proprio di aver fatto il possibile per schematizzare e semplificare, ora però, visto che siete comunque dei lettori attenti e competenti, dopo averci scherzato un po’ su, vi consiglio per un approccio decisamente più specialistico:

Nardone, Portelli “Ossessioni, Compulsioni, Manie”

Gullotta, “Lo Psicoterapeuta Stratega. Metodi ed esempi per risolvere i problemi del paziente”

Nardone, “Psicosoluzioni, risolvere rapidamente complicati problemi umani”

E ora la domanda che tutti vi state facendo…

E’ possibile curare il disturbo ossessivo-compulsivo?

Certo che sì! Non facile ma assolutamente possibile!

 

Particolarmente efficace è il trattamento in Psicoterapia Breve ad approccio Strategico, con  la messa in atto di trattamenti differenti a seconda delle diverse tipologie di disturbo.

 

Fra la “tua” e la “sua” soluzione, scegli la terza, quella giusta, lo dice pure Platone!

Se hai curiosità o domande chiedi pure e se ti interessa rimanere aggiornato settimanalmente, su temi relativi al benessere ed alla psicologia, puoi Iscriverti alla Newsletter sul sito www.federicopiccirilli.it

Se hai voglia puoi lasciare anche il tuo passaggio e il tuo feedback sulla Pagina Facebook Dott. Federico Piccirilli.

 

Buon vento!

Federico Piccirilli

Psicoterapeuta

Esperto in Terapia Breve

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.