fbpx

Giuro. Non c’è stato nulla fra noi. Tradimento virtuale vs tradimento carnale

Giuro. Non c’è stato nulla fra noi. Tradimento virtuale vs tradimento carnale

“Giuro. Non c’è stato nulla tra noi!”.

page1image1400128

Frase da film, più da telenovela per la verità, da cinepanettone, da competizione canora, che banalizza non solo l’amore, ma persino il tradimento.

Non c’è stato nulla … solo un bacio … come se esclusivamente l’atto sessuale avesse importanza, dignità di menzione, come se in assenza di esso tutto fosse lecito.

Non solo però film e canzoni. La realtà è che tantissimi rapporti apparentemente sani e robusti, matrimoni, convivenze, si sono retti zoppicando su questa stampella, tossendo sulla patetica bugia del “non c’è stato nulla tra noi”, là dove “nulla” si traduce con “non siamo andati a letto insieme”. E pure, paradossalmente, con l’esatto contrario, nella variante: “Giuro. Non c’è stato nulla tra noi! Solo sesso!”.

Così almeno è stato, fino a ieri; fino a quando … è nato il web. Per la precisione: fino a quando ci siamo trasferiti armi e bagagli nel web.

In questa nuova dimensione del vivere, dell’esistere stesso, che si aggiunge alla sfera del personale, del sociale, e le scavalca, anzi, le inghiotte, anche l’amore e il tradimento assumono contorni del tutto diversi, e difficilmente definibili.

Tradimento, infedeltà … abbiamo chiaro quale sia il loro punto d’inizio, quale la fine? Sono concetti netti, codificabili in azioni specifiche, oppure di raggio talmente ampio da concretizzarsi anche in intrecci immaginari e virtuali?

E il sesso? È poi tanto importante ai fini del tradimento? Rimane tale anche se svolto solo virtualmente?

Il sesso nel tradimento ha sempre giocato un ruolo ambivalente, un po’ paraculo oserei dire. Come abbiamo accennato all’inizio, se non c’è stato, è baluardo per negare un reale coinvolgimento emotivo, e quindi negarlo (“non abbiamo fatto nulla”); se invece c’è stato, diventa “solo”, svilito ad atto animalesco, istintivo, senza amore, e quindi anche in questo caso bandiera di negazione. Per intenderci, ogni tradimento ha la sua scappatoia, e ciò ha fatto in modo che intorno ad esso si formasse una sorta di bambagia protettiva che ne ha mantenuto l’esercizio costante e pressoché inalterato nel tempo. Nel momento in cui però cambia la dimensione del nostro vivere quotidiano, nel momento in cui parliamo, lavoriamo, studiamo, ridiamo e comunichiamo attraverso il cellulare, non stupisce che anche il sesso, e con esso il tradimento, diventino questioni di Giga.